Un corso di italiano… a spasso per Milano

Alcuni protagonisti di Work in Progress hanno partecipato a una tre giorni di uscite didattiche in giro per la città

Nelle giornate di martedì 7, mercoledì 8 e giovedì 9 settembre alcuni dei ragazzi che hanno preso parte all’ultima edizione del corso “Crescere in italiano di Work in Progress hanno partecipato ad alcune uscite didattiche in giro per la città.

I ragazzi, e una ragazza, sono stati accompagnati da due operatori dell’équipe integrazione di Work in Progress (Francesca Barbesino di Fuoriluoghi e Domenico Pontieri de La Cordata) insieme a Giovanni Gammuto, insegnante della Fondazione Franco Verga (ente che si occupa dei corsi di italiano di Work in Progress), che aveva già avuto esperienze di “passeggiate didattiche”, che è stato il cicerone del gruppo.

Il gruppo al Cimitero Monumentale

Spiega Francesca: «I partecipanti alle uscite sono stati i ragazzi che hanno frequentato almeno l’80% delle lezioni del corso, dimostrando maggior impegno. Per rispettare le norme anti-Covid sono stati divisi in due gruppi, che rispecchiavano i gruppi-classe delle lezioni. Per loro, quindi, è stato anche un ritrovarsi».

Obiettivo dell’iniziativa, verificare quanto appreso in classe e mettere in campo le proprie competenze linguistiche fuori dall’aula.

Nei tre giorni si sono visitati alcuni dei luoghi più conosciuti di Milano: il Duomo, la Galleria e piazza Della Scala; Parco Sempione e l’Arco della Pace; il Cimitero Monumentale, China Town e piazza Gae Aulenti.

Il gruppo all’Arco della Pace

Se si devono segnalare alcune difficoltà legate al lavoro con degli adolescenti, per esempio la sveglia al mattino presto, e lo scoglio dell’italiano, a cui i ragazzi si sono appena approcciati, la partecipazione è stata comunque buona

«Sicuramente è stata una bella esperienza. Da una parte, infatti, questi ragazzi non sono abituati alle “gite scolastiche”; dall’altra, seppur alcuni di loro vivano a Milano già da un po’ di tempo, non conoscevano questi luoghi, perché sono soliti ritrovarsi sempre negli stessi posti. E quindi in alcuni momenti guardavano i monumenti con stupore», commenta ancora Francesca.

L’altro aspetto positivo segnalato dagli operatori di Work in Progress è quello di avere avuto un’occasione per creare relazioni che vanno oltre l’aula, sia tra i ragazzi che tra loro e gli operatori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...